Breaking

Visto Turistico e Agevolazioni per Viaggiare Senza

IN EVIDENZA / TURISMO E VIAGGI / 10 maggio 2019

I visti turistici sono i documenti necessari per poter viaggiare nei paesi stranieri, oggi la volontà di molti paesi di favorire il turismo dai vari paesi stranieri ha portato ad una semplificazione delle procedure di ingresso.
Nell’ultimo periodo alcuni paesi per agevolare il turismo dall’estero hanno reso gratuito il visto turistico mentre altri ne hanno addirittura eliminato l’obbligo in favore di quei paesi ritenuti più virtuosi ai fini di far aumentare l’afflusso di visitatori da quelle zone.
Uno degli esempi più significativi è stata la scelta del governo brasiliano che ha eliminato l’obbligo del visto turistico per tutti i cittadini di Stati Uniti, Australia, Canada, e Giappone.
Una scelta non nuova del paese sudamericano che già durante il periodo dei Giochi Olimpici del 2016 era stata adottata in favore dei cittadini degli stessi stati e che adesso hanno definitivamente ottenuto questa agevolazione ma in forma permanente.
Anche altri paesi più piccoli come il Vietnam e l’Albania hanno introdotto una misura simile verso i turisti provenienti da alcuni paesi.
Nonostante questo trend esistono ancora paesi che per cui il visto turistico rimane obbligatorio, tra questi rimangono ben fermi sull’obbligo paesi importanti come Australia, Canada, Cuba, Stati Uniti e Russia.
Per andare in questi luoghi oltre al visto turistico è necessaria una documentazione che va ben oltre al semplice passaporto per la quale le procedure non sono semplici e richiedono anche una certo esborso economico che aumenta nel caso che decidessimo di affidarsi ad una agenzia visti turistici Firenze o di qualsiasi altra città.
Scegliere di accollarsi l’onere di fare il visto e la varia documentazione necessaria permette di risparmiare ma per far ciò dobbiamo aver ben presente quale siano i documenti da richiedere per non avere problemi una volta arrivati in un di questi paesi.
Analizziamo per ognuno di questi paesi quali sono i documenti da fare per poter superare la frontiera senza problemi.
Australia: per entrare in questo paese è necessario oltre al visto turistico anche un documento denominato Visitor, questo documento permette una permanenza di tre mesi nel paese e lo si può richiedere direttamente online.
Canada: per visitare come turisti questo paese sono necessari il passaporto e un documento chiamato ETA, quest’ultimo lo si può avere collegandosi direttamente al sito del sito del governo canadese e costa solo 7 dollari.
Cuba: per viaggiare in questo paese si deve richiedere un visto turistico di 30 giorni presso una delle rappresentanti consolari all’estero o affidarsi ad un’agenzia di visti turistici abilitata.
Stati Uniti, se si vuole stare non più di tre mesi in America è sufficiente un documento chiamato Esta, generalmente bastano pochi giorni per averlo ma è preferibile muoversi per tempo per evitare lungaggini.
Russia, per entrare in questo paese si deve ottenere oltre al visto turistico anche un lettera di invito che può essere fornita direttamente dall’hotel di destinazione che la fornirà gratuitamente a chiunque faccia una prenotazione.


Tag:, , , , ,








Previous Post

Innovare nel solco della tradizione e della territorialità rivisitata: inaugurato Al Falcio Bistrot a Toritto in Puglia

Next Post

Comunicato Stampa - Tipping Point





You might also like



0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Innovare nel solco della tradizione e della territorialità rivisitata: inaugurato Al Falcio Bistrot a Toritto in Puglia

Innovare nel solco della tradizione e della territorialità rivisitata: inaugurato il ristorante gourmet Al Falcio Bistrot...

10 May 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.