Breaking

TMD: percorso diagnostico e terapeutico. Appuntamento il 18 Maggio con il Chirurgo Maxillo-Facciale

IN EVIDENZA / SALUTE E BENESSERE / 28 marzo 2019

Le disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare (TMD) possono generare diversi sintomi: rumori , dolori anche forti con difficoltà a mangiare e parlare,È possibile che si verifichi una lussazione mandibolare per una svariata serie di motivi, fra cui un trauma, una crisi epilettica, la sindrome di Ehlers-Danlos o Marfan, e di solito chi ha avuto un episodio di dislocazione mandibolare è soggetto alla ricomparsa di tale disturbo.

Il ruolo della chirurgia maxillo-facciale è dunque, in primo luogo, quello di ridurre i sintomi della disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare, che sono principalmente l’infiammazione e il dolore, ma anche e soprattutto quello di migliorare la funzionalità dell’intera articolazione attraverso il ripristino del corretto meccanismo di apertura e chiusura della bocca, affinché non si verifichino più episodi di dislocazione.

Il trattamento chirurgico della disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare è un intervento di chirurgia maxillo-facciale che un paziente può richiedere su consiglio del proprio dentista o medico curante; infatti, è sempre necessario che il paziente venga indirizzato verso il parere del chirurgo maxillo-facciale sopratutto quando le terapie funzionali non hanno prodotto gli effetti sperati.
È dunque necessario sottoporsi ad una visita specialistica approfondita che consenta al chirurgo maxillo-facciale di evidenziare i sintomi descritti dal paziente, prescrivere esami radiologici, valutarne attentamente la situazione medica generale e formulare la diagnosi.
Nel caso di disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare, il chirurgo maxillo-facciale illustrerà al paziente la tipologia di intervento, elencandone le possibilità ed i limiti.

Il chirurgo Maxillo Facciale esperto in disfunzioni dell’ articolazione temporo mandibolare , abitualmente , si avvale di un team composto da odontoiatra specialista in gnatologia e fisioterapista.
La procedura più semplice, sopratutto per ridurre il dolore e muovere la mandibola si chiama artrocentesi e può essere effettuata, in ambulatorio, ed in anestesia locale. L’ artrocentesi consiste in un lavaggio dell’articolazione e viene associata alla infiltrazione di , circa 2 cc, di acido Ialuronico,
L’artrocentesi è’ una procedura ripetibile è minimamente invasiva.

Se volete sapere tutto sul percorso diagnostico e terapeutico del trattamento chirurgico della disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare, l’appuntamento è il 18 maggio 2019 con il Dott. Giuseppe Spinelli, presso l’ordine dei medici di Grosseto, chirurgo maxillo-facciale di comprovata esperienza e Direttore del reparto di Chirurgia Maxillo Facciale dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi Firenze.


Tag:








Previous Post

Auto usate: BMW M2 motore di razza

Next Post

Corsi CEF: ecco le novità per chi vuole formarsi nel 2019





0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Auto usate: BMW M2 motore di razza

Nel 2015 era in arrivo la Bmw M2 che dopo le ultime fasi di collaudo, questa vettura bavarese, si aveva avuto modo di essere...

22 March 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.