Breaking

Fallimento G+, anche un colosso del business può sbagliare

AFFARI / SOCIAL NETWORK / 3 aprile 2019

Anche i colossi talvolta (anzi, più spesso di quanto si creda) fanno buchi nell’acqua. Succede pure a Google, che dal 2 aprile ha abbassato la saracinesca del suo ambizioso e malriuscito social, ovvero G+. Un vero fallimento.

Il fallimento di G+

fallimento google plusA distanza di soli 8 anni dal suo lancio avvenuto nel 2011, per G+ si è certificato un flop clamoroso. Avrebbe dovuto essere il rivale di Facebook, ma non gli ha mai neppure fatto il solletico. Certo, è pur sempre in buona compagnia, visto che gli è andata anche meglio di come andò ad Apple. A Cupertino erano convinti di fare centro con “Ping”, ma questo tentativo fu abortito in brevissimo tempo. Almeno G+ prima del fallimento è riuscito a sopravvivere 8 anni.

Non è servita quindi a nulla una fortissima spinta propulsiva da parte della piattaforma madre. Mentre il colosso di Zuckerberg continuava a marciare forte comprando nel frattempo Instagram (2012) e Whatsapp (2014), il prodotto social di Google non riusciva proprio a spiccare il volo. Per carità, non è che i risultati aziendali ne abbiano risentito granché. Ma di certo per l’impresa forse più famosa al mondo, questa ammissione di fallimento è un brutto colpo all’ego.

I dati che certificano il flop

Ma quali sono i numeri che anno costretto alla chiusura G+? Essenzialmente due. Il primo riguarda gli utenti. Appena 300 milioni di account davvero attivi in tutto il mondo. Briciole rispetto ai 2,2 miliardi che vanta Facebook. Il secondo numero riguarda la permanenza media degli utenti sul social: neppure 5 secondi per il 90% degli utenti. Se questi numeri bastavano già da soli a far arrossire, ci si è messa poi pure la scoperta di una gigantesca falla nella sicurezza, non molto dissimile da quella che ha portato allo scandalo pure Facebook.

Siccome a Google sono orgogliosi, ma pure realisti, era chiaro che bisognava rinunciare a quel prodotto che non dava nessun valore aggiunto all’intero sistema. E così è scattato lo stop loss operativo. Che comunque richiederà non poche spese per essere messo in atto. Google+ prevede infatti l’eliminazione dei contenuti degli account per uso personale, e questo richiederà dei mesi. E tanti soldi.


Tag:, , , ,








Previous Post

Quali sono gli elettrodomestici che consumano di più?

Next Post

Sarel: 3 video aziendali per le 3 sedi in Europa





0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Quali sono gli elettrodomestici che consumano di più?

Belli, dal design sempre più moderno e cari in una tripla accezione. Per il prezzo che dobbiamo affrontare quando li compriamo,...

3 April 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.