Breaking

Come ottimizzare il magazzino in 4 passaggi

IN EVIDENZA / INDUSTRIA / 20 settembre 2019

Il corretto funzionamento della logistica di magazzino è alla base di una catena di fornitura efficiente, in grado di servire i clienti in modo tempestivo e preciso.

Proprio per questo la progettazione del magazzino è una delle fasi più importanti e delicate: la gestione del magazzino influisce infatti in modo determinante sulla produttività dei dipendenti, sulla facilità di accesso e persino sulla capacità di stoccaggio.

Ora che abbiamo fatto maggiore chiarezza sull’importanza del magazzino nell’economia aziendale, scopriamo come ottimizzare e incrementare l’efficienza del magazzino in 4 passaggi.

1. Simula il layout del tuo magazzino

Subito prima di iniziare con la progettazione e la successiva installazione di scaffali e altre attrezzature, fatti un giro nel tuo magazzino.
Utilizza del nastro adesivo per delineare le principali aree di lavoro e porta delle cose attraverso di esse, installa dei martinetti in giro e coinvolgi allo stesso tempo. altri dipendenti per simulare le attività lavorative che si svolgeranno al suo interno.
Questo ti farà capire meglio come ottimizzare lo spazio a disposizione: eventuali errori qui si tradurranno in errori peggiori in seguito.

2. Scegli con cura le soluzioni di stoccaggio e le scaffalature

Seleziona in modo accurato le scaffalature metalliche e le soluzioni di stoccaggio più adatte per le esigenze della tua azienda.
La scelta migliore, naturalmente, dipende dalla tipologia di operazioni da svolgere nel magazzino, dalle dimensioni e dal volume dei prodotti che attraversano il vostro impianto e da altre considerazioni.
Una volta che le scaffalature sono installate e organizzate in modo da garantire la sicurezza e un flusso logistico ottimale, etichetta tutti gli scaffali e le aree secondo un piano ben definito.

3. Ottimizza tutto lo spazio disponibile

Per lo stoccaggio in magazzino, è importante sfruttare al meglio tutto lo spazio a disposizione, ottimizzando anche l’uso dello spazio verticale. Impilare gli articoli o utilizzare scaffalature impilate non solo massimizza lo spazio, ma aiuta anche a creare un magazzino più pulito e organizzato.

Mettere gli articoli stoccati e prelevati meno frequentemente più in alto, in corridoi stretti o nelle aree più difficili da raggiungere del vostro magazzino può aiutare a massimizzare sia lo spazio che la produttività, rendendo allo stesso tempo più facilmente accessibili gli articoli con una rotazione maggiore. Anche le dimensioni e il peso dei prodotti costituiscono un fattore determinante nella scelta di come organizzare il magazzino.

4. Pianifica la regolare manutenzione del magazzino

Mantieni il tuo magazzino organizzato programmando frequenti pulizie e assicurando che i corridoi siano sempre ordinati e sgombri: una delle prime regole del magazzino è che si dovrebbe poterne attraversare qualsiasi parte, in qualsiasi momento, senza incontrare nessun ostacolo. Avere politiche e procedure in atto per l’inventario in entrata e di spedizione contribuirà inoltre a garantire che il vostro magazzino sia sempre organizzato, e l’inventario contabilizzato in modo corretto.











Previous Post

A settembre oltre 40 incontri di dibattito nel limitese

Next Post

Benessere: quali sono i trattamenti più richiesti?





0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

A settembre oltre 40 incontri di dibattito nel limitese

Più di 40 incontri nel mese di settembre nel Comune di Capraia e Limite, con il festival “E..state sull’Arno”, come...

20 September 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.