Breaking

Turismo in Asia in Aumento Grazie alla Cina

TURISMO E VIAGGI / 27 agosto 2019

Cresce il turismo in Asia grazie anche alla Cina che rappresenta buon parte di questo continente, un continente lontano dal nostro mondo non solo da un punto di vista geografico.
Questo immenso territorio racchiude paesi diversi tra loro che rappresentano culture, tradizioni e storie che si sono formate sotto la guida delle civiltà millenarie che hanno popolato l’Asia nel corso della sua storia.
Popoli diversi che convivono fra loro che hanno determinato culture molto lontane da quella occidentali storie incredibili che inevitabilmente affascinano i viaggiatori che scelgono di fare turismo in Asia visitando questo luogo del mondo ancora per molti versi sconosciuto a chi proviene da altri continenti.
Negli ultimi anno anche la Cina ha aperto le porte ai flussi turistici divenendo subito una destinazione turistica tra le più richieste e che sono subito state inserite nelle rotte turistiche classiche che i tour operator scelgono per inserire nei propri pacchetti di turismo in Asia all-inclusive.
Una politica che ha trovato il benestare del governo cinese che per agevolare ulteriormente il turismo negli ultimi anni ha provveduto ad uniformarsi agli standard internazionali per le procedure di richiesta del visto turistico necessario per viaggiare in Cina.
Oltre ad aver agevolato le procedure i consolati e le ambasciate cinesi hanno anche provveduto, nel caso dell’italia, a collaborare con agenzie per il visto Cina a Firenze Milano e Roma.
Con l’apertura della Cina al turismo internazionale tutto il continente dell’Asia ha tratto beneficio per quanto riguarda il settore del turismo, in quanto gli aeroporti internazionali cinesi sono divenuti importanti scali per rotte aeree di altri paesi del continente.
Per promuovere, ai viaggiatori che scelgono di fare turismo in Asia, le proprie attrazioni turistiche la Cina ha anche provveduto ad introdurre la possibilità di permessi speciali temporanei per i viaggiatori che pur avendo una meta di arrivo finale in altri paesi devono sostare un certo periodo negli scali aeroportuali cinesi.
I permessi che le autorità concedono in questi casi possono avere una durata che dalle 24 alle 72 ore a seconda sia del tempo di permanenza sul suolo cinese del viaggiatore sia dei diversi scali in cui viene rilasciato il permesso di visita temporaneo.


Tag:, , , , ,








Previous Post

F2i: Renato Ravanelli commenta l’Opa lanciata per la crescita di Ei Towers

Next Post

Come gestire al meglio il magazzino di un’e-commerce





You might also like



0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

F2i: Renato Ravanelli commenta l’Opa lanciata per la crescita di Ei Towers

Renato Ravanelli, in occasione dell'Opa di F2i con Mediaset finalizzata all'acquisizione del controllo di Ei Towers, ha rilasciato...

27 August 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.