Breaking

Stalking tramite whatsapp: come intervenire?

IN EVIDENZA / SERVIZI / 20 settembre 2019

Può accadere di subire degli atti persecutori tramite i supporti informatici. Lo stalking per via del software di messaggistica Whatsapp è una questione che si sta sempre più diffondendo. Non sono poche le persone che denunciano di subire tale stalkeraggio e che si rivolgono ad avvocato penalista a Roma per difendere i propri diritti e la propria libertà, al fine di bloccare la persona che sta mettendo in atto lo stalking a propri danni.

Lo stalking tramite Whatsapp

Una sentenza della corte di Cassazione ha stabilito che lo stalking agito a mezzo informatico, come tramite un software chiamato Whatsapp, è un comportamento persecutorio e, come tale, va perseguito dalla legge. In conseguenza di questo quindi, le registrazioni delle conversazioni, che hanno luogo tramite l’applicazione di messaggistica online istantanea, costituiscono memorizzazione di un fatto storico. Ciò significa che da queste è possibile disporre a fini probatori. La chat viene quindi ad essere considerata come una prova documentale che ha piena legittimazione dall’art. 234 c.p.p. In quest’ultimo anche documenti che rappresentano fatti, persone o cose, mediante fotografica, cinematografia, fonografia o qualsiasi altro mezzo sono documenti che possono essere acquisiti in giudizio.

L’acquisizione del supporto

A seguito di tali affermazioni sopra riportate, occorre sottolineare che, per acquisire la documentazione contenuta sulla chat di messaggistica istantanea occorre anche acquisire il supporto stesso che ne ha permesso la messa in atto, quindi lo smartphone nel caso di whatsapp. A differenza di un documento tradizionale, quello per cui è richiesta un’acquisizione dalla componente informatica va a fornire anche tutta una serie di altre informazioni, come l’ultima modifica ad esempio, le quali entrano a far parte della prova nel momento in cui essa deve essere acquisita, ammessa e valutata.  Questo pur se tali informazioni non attengono strettamente al fatto in questione.











Previous Post

Seggiolino per bambini per biciclette conforme

Next Post

Fondazione Cariplo, cinque milioni su Varese: il commento di Andrea Mascetti





0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Seggiolino per bambini per biciclette conforme

Seggiolino per bambini per biciclette conforme Il seggiolino per bambini per biciclette conforme deve rispettare...

20 September 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.