Breaking

Shopper personalizzate: perchè ha senso investire in questo strumento

SHOPPER BAG / 10 dicembre 2019

In occasione del lancio del punto vendita, dell’apertura straordinaria di un negozio o delle promozioni e dei saldi la domanda è sempre la stessa: ha ancora senso investire in shopper personalizzate o in buste personalizzate? In alcuni casi l’imprenditore preferisce aspettare le prime vendite, in altri la spinta a comunicare ed apparire davanti agli occhi di un pubblico illimitato di potenziali clienti ha la meglio e si decide di realizzare shopper personalizzate economiche come quelle proposte da Rifipack.

Eppure gli studi confermano che il packaging e le shopper bag personalizzate fanno a tutti gli effetti parte della pianificazione commerciale e, anzi, sono uno degli strumenti di marketing maggiormente efficaci nel generare awareness e supportare le vendite.

Le shopper personalizzate come un vero e proprio mass media

Studi e ricerche dimostrano quando si pensava già da tempo, ovvero che le shopper bag personalizzate guidano la decisione di acquisto dei consumatori, trasmettendo allo stesso tempo informazioni sul brand e attirando l’attenzione del potenziale cliente con grafica e stile accattivante. Inoltre, la busta personalizzata rappresenta, assieme al tradizionale sconto, uno strumento per fidelizzare il cliente ed un incentivo all’acquisto, data l’importanza del passaparola e della raccomandazione.

Naturalmente, alla base della creazione delle buste personalizzate, sia nella GDO sia per i negozi di nicchia, è fondamentale un’accurata pianificazione ed uno studio approfondito delle sue caratteristiche. Per questo e per far fronte a un mercato sempre più competitivo, da Rifipack potrai trovare borse originali, ecologiche e multiuso realizzate con il miglior rapporto qualità – prezzo e studiate per lavorare a vantaggio della tua attività come un vero e proprio mass media.

Chi, come noi, lavora da anni in questo settore sa bene, infatti, come la shopper sia un vero e proprio canale pubblicitario al pari dei giornali e della TV, della radio e di Internet. Proprio il packaging influisce sulla percezione del prodotto come sostenibile e di qualità.

La shopper bag personalizzata per comunicare con i nativi digitali

Sempre studi e ricerche dimostrano come i nativi digitali siano alla costante ricerca di packaging all’avanguardia e come una busta personalizzata agevoli l’acquisto d’impulso, basato proprio sulle informazioni riportate sulla shopper. Non solo: anche chi fa acquisti programmati valuta positivamente le buste personalizzate e, quindi, la confezione si dimostra ancora una volta uno strumento in più per conquistare nuovi clienti.

Un dato? L’89% dei consumatori guarda, studia e tocca con mano la confezione sia nel punto vendita sia a casa e lo stesso avviene con le shopper bag, il cui successo dipende, ancora una volta, dall’abilità del designer e del grafico che deve saper catturare, ma soprattutto mantenere, l’attenzione del potenziale cliente. Una shopper può raccontare davvero molte cose sul tuo negozio e sul brand e noi di Rifipack lavoriamo con passione ogni giorno per coinvolgere i potenziali clienti nella storia della tua azienda e invogliarli all’acquisto.

Il tutto unendo ricerche, studi e tanta creatività perché sappiamo bene che non esistono ricette magiche e che ogni azienda ed ogni negozio è una storia a sé, da raccontare anche e soprattutto con una shopper personalizzata.

Rifipack | Shopper Bag Personalizzate

 


Tag:, ,








Previous Post

Versace’s Holiday, una collezione per i regali di Natale

Next Post

Nasce ebcpromo.it: offerte per te in Esclusiva





You might also like



0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Versace’s Holiday, una collezione per i regali di Natale

Versace negli anni ha imparato a stupirci, ci regala sempre qualcosa di innovativo, che siano essi nuovi capi o modelli,...

9 December 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.