Breaking

Investigatore Pivato 2.0 : chi è e di cosa si occupa…

SICUREZZA / 17 gennaio 2011

L’investigatore privato è il professionista che ha come obiettivo il reperimento di prove utilizzabili in sede giudiziaria.
Oggi ogni società investigativa, per espletare ogni tipo di indagine, deve essere costituita da un team di Investigatori Privati accuratamente selezionati anche attraverso test atti a valutarne specifiche caratteristiche essenziali per svolgere la professione garantendo alte performances.
L’obiettivo primario che un’agenzia investigativa Roma deve avere è quello di non deludere mai il cliente, persona fisica, professionista o azienda, riuscendo a produrre prove utilizzabili in sede giudiziaria.

Per raggiungere tale grado di soddisfazione ogni indagine deve essere accuratamente seguita da un team di investigatori privati professionisti con competenze multidisciplinari. Un’azienda investigativa può diventare membro delle più autorevoli associazioni storiche del settore sia a livello nazionale che internazionale, come la World Association of Detectives. Inoltre ha importanza fondamentale investire nel settore Ricerca e Sviluppo, il quale contribuisce (o potrebbe contribuire) al successo di un’Agenzia investigativa Roma, che può diventare così leader nel campo delle investigazioni su tutto il territorio nazionale, ma anche sul territorio internazionale.
Quindi si può dire con certezza che c’è stato un significativo cambio di mentalità dell’investigatore privato Roma.
L’investigatore privato del 2018 ha lasciato a casa la pipa e il cappello di Sherlock per indossare abiti più moderni, ma ha comunque rubato i trucchi del mestiere al detective più famoso della letteratura (e non solo a lui).

Ma cosa significa fare questo lavoro nel 2019?

Proviamo a ricostruire il profilo dell’investigatore 2.0 facendoci aiutare da alcuni professionisti e dai loro antenati di carta.
Un tempo l’investigatore privato lavorava da solo e di questa solitudine faceva quasi un vanto. Come Auguste Dupin, il padre di tutti i detective, disegnato dalla penna di Edgar Allan Poe; il cliché era quello dell’uomo triste e solitario, geniale seppure nevrotico.

Ma l’investigatore 2.0 ha professionalità e preparazione più spiccate: non si improvvisa, ha competenze giuridiche, psicologiche, socio-culturali che gli consentono un approccio a 360° ai casi. Estremamente dinamico, non c’è lavoro che lo appassioni più di questo né indagine che sia uguale ad un’altra. Il detective 2018 sposa questo lavoro al punto da non poterne più fare a meno!
Amato e ammirato, l’investigatore – vero o di carta – ha sempre suscitato curiosità, sia quella morbosa dei suoi antagonisti alla Moriarty che quella più leale dei collaboratori alla Archie Goodwin, braccio destro dell’irascibile Nero Wolfe.

Anche il detective 2.0 affascina amici e conoscenti, risvegliando l’immaginazione persino dei commensali più discreti; così, durante pranzi e cene diventa il fulcro di ogni conversazione, con quell’immancabile domanda: “ma cosa fa un investigatore privato?”.

Se a guidare Miss Marple – l’acutissima e anziana signora ideata da Agatha Christie – è la sua passione per i pettegolezzi, il detective 2.0 sfrutta a suo vantaggio la tecnologia:

  • Telecamere
  • Localizzatori satellitari
  • Ricetrasmittenti
  • Telecamere occulte
  • Pc e connessione

sono strumenti oggi indispensabili. Dunque, dalla lente d’ingrandimento del giovane Holmes allo smartphone del commissario Montalbano. Ma non bisogna lasciarsi ingannare dalle circostanze, raccomanda l’investigatore 2018, l’iperconnettività in cui siamo immersi, che di per sé sembra offrire una sorta di “controllo” sulle persone, non può sostituire in alcun caso il professionista. Anzi, un’indagine azzardata o fai-da-te può complicarne o comprometterne il lavoro.
“Un investigatore veramente in gamba non si sposa mai”, diceva Raymond Chandler, autore del duro, riflessivo e tormentato investigatore Philip Marlowe. Elegante, dipendente da fumo e alcol, è interessato alle donne come qualsiasi scapolo anche se tende alla misoginia. Ma, a dispetto dell’immaginario collettivo che lo vorrebbe impeccabile e distaccato come Poirot, il detective 2.0 ha, spesso e volentieri, una moglie, una famiglia, dei figli, persino degli amici. Certo, è difficile conciliare vita privata e lavoro, racconta l’investigatore 2019, visti i ritmi e gli orari improbabili della professione, ma un partner a dir poco “flessibile” è quello che ci vuole.
Il detective 2.0 prende, quindi, le distanze da Ellery Queen – protagonista dei racconti di Frederic Dannay e Manfred B. Lee, un investigatore dilettante che di professione scrive romanzi gialli – per avvicinarsi, invece, al profilo che Georges Simenon ha tracciato per il suo celebre Maigret: intuito, empatia, predilezione per un profilo basso e defilato durante le indagini, capacità di adattamento e nessun segno particolare che possa dare nell’occhio. Il segreto del successo? Niente travestimenti ma competenze, professionalità, aggiornamento costante, calma e una buona resistenza fisica. L’investigatore 2.0 ha bisogno anche di questo
Il detective 2.0 si differenzia dal vecchio investigatore privato Roma anche per il tipo di indagini che svolge. Oggi nel campo delle investigazioni private si fa infatti molto riferimento alle indagini OSINT (Open Source Intelligence).
L’Open Source Intelligence è, dunque, l’intelligence “prodotta da informazioni pubblicamente disponibili che viene collezionata, sfruttata e diffusa in maniera tempestiva ad un pubblico appropriato di destinatari allo scopo di rispondere ad una specifica esigenza”.
L’Osint ha acquisito in poco tempo un ruolo fondamentale grazie alla quantità e alla qualità dei dati condivisi quotidianamente sul web e, in particolare, sui social network. Ma seppure le informazioni siamo lì, alla portata di tutti, condurre un’indagine Osint non è certo un gioco da ragazzi; sono necessarie competenze tecniche e legali specifiche per selezionare le fonti realmente attendibili e, quindi, analizzare i dati emersi, evitando di infrangere norme quali, una fra tutte, quella sulla privacy.


Tag:,



Matteo




Next Post

DIPENDENZE: QUANDO RIVOLGERSI AD UNO PSICOLOGO





You might also like



0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.