Breaking

Claudio Descalzi; Eni, Coldiretti, Bonifiche Ferraresi in Africa per progetti di sostenibilità

AFFARI / IN EVIDENZA / 20 novembre 2019

Eni, Coldiretti e Bonifiche Ferraresi lanciano il “Progetto Africa“: l’AD Claudio Descalzi sottolinea il valore dell’iniziativa e parla dell’impegno del Gruppo nei Paesi in cui opera.

Claudio Descalzi, Eni collabora all'iniziativa green progetto Africa

Claudio Descalzi: Eni insieme a Coldiretti e Bonifiche Ferraresi nel “Progetto Africa”

Onorati di far parte di questo progetto. Così l’AD Claudio Descalzi lo scorso 12 ottobre ha commentato l’accordo sottoscritto dal Gruppo insieme a Bonifiche Ferraresi e a Coldiretti. L’intesa impegna le tre realtà a collaborare per promuovere in Africa, attraverso lo sviluppo di progetti mirati, una crescita economica sostenibile e l’agricoltura a ridotto impatto ambientale. Si comincia con il Progetto Ghana: insieme al governo locale, Eni ha da tempo avviato iniziative per creare uno sviluppo duraturo in aree particolarmente depresse. Nello specifico sarà realizzato un centro di formazione per lo sviluppo agricolo: inoltre si lavorerà per dare vita a nuove imprese dove far lavorare i giovani dopo gli studi. L’ottica è creare un tessuto di imprese legate alle attività agricole. Se si generano nuove opportunità di formazione e lavoro, si creano le basi affinché le comunità locali possano sfruttare le potenzialità del territorio e migliorare le proprie condizioni di vita, mitigando conseguentemente anche i fenomeni migratori. Il progetto prevede l’assegnazione di un’indennità giornaliera agli studenti per l’intero periodo di studi con obbligo di frequenza. Il Gruppo guidato da Claudio Descalzi punta inoltre a estendere tale iniziativa anche in altre regioni del Ghana e nei Paesi dell’Africa sub-sahariana in cui è presente.

Claudio Descalzi: la mission green di Eni

Parlando del valore dell’iniziativa, l’AD di Eni Claudio Descalzi ha sottolineato come il modello di cooperazione definito nell’accordo, fondendo efficacemente competenze e tecnologia, risponda a due esigenze “imprescindibili per il nostro tempo”. Da un lato “la necessità di contribuire in modo sostenibile allo sviluppo sociale ed economico delle comunità locali dei Paesi in via di sviluppo”. Dall’altro punta a promuovere “un modello di produzione di energia sempre più sostenibile e improntato alla decarbonizzazione”. Non a caso anche recentemente, in occasione della settimana del clima di New York e dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, l’AD Claudio Descalzi ha parlato del costante impegno del Gruppo sul fronte della sostenibilità. La lotta al cambiamento climatico si coniuga con le necessità di garantire l’accesso universale a un’energia pulita, di favorirne consumo e produzione responsabili, di promuovere innovazione e ridurre disparità. Per farlo Eni punta su competenze e tecnologie e sulla creazione di partnership come quella sottoscritta con Coldiretti e Bonifiche Ferraresi: fattori chiave per massimizzare la creazione di un valore duraturo, che va oltre le logiche di profitto di breve termine e che consente di crescere insieme ai Paesi e alle realtà con cui collaborano.


Tag:,








Previous Post

Rimini, inaugurazione Meeting 2019: l’intervento di Maria Elisabetta Alberti Casellati

Next Post

Le 10 Gioiellerie più importanti a Catania





You might also like



0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Rimini, inaugurazione Meeting 2019: l’intervento di Maria Elisabetta Alberti Casellati

Intervenendo all'inaugurazione della quarantesima edizione del Meeting di Rimini, il Presidente del Senato Maria Elisabetta...

20 November 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.