Breaking

Candele: il bello dell’illuminazione

CASA E ARREDAMENTO / IN EVIDENZA / 13 ottobre 2019

La candela è una sorgente luminosa in grado di dare un tocco in più a qualsiasi tipo di ambiente. Utilizzata per celebrazioni, cene romantiche o semplicemente per illuminare una stanza, sono varie le modalità di utilizzo di questo oggetto presente in quasi tutte e case.

Ma quali sono le origini delle candele, come funzionano e come possono essere utilizzate? Entriamo nei dettagli e scopriamolo assieme!

Le origini e la composizione delle candele

A differenza di quanto si possa pensare, le candele hanno origine antiche e in un certo senso possono essere considerate la prima vera e propria forma di illuminazione. Già gli antichi romani, ad esempio, usavano delle candele rudimentali, costruite inizialmente da cordoni di canapa immersi nella pece o nella cera animale. Le prime prove storiche dell’uso delle candele, però, risale all’VIII secolo.

Fino al 1850 per la realizzazione delle candele si utilizzava la cera d’api o grasso animale, mentre in seguito è stato introdotto l’uso di bianco di balena, paraffina e stearina.

Prima della diffusione dell’elettricità, d’altronde, le candele rappresentavano la principale fonte di illuminazione, assieme alla lampada ad olio. Per quanto riguarda il materiale utilizzato, invece, dovete sapere che generalmente sono realizzate con una miscela solida contenente un materiale di base e additivi.

I materiali di base comprendono paraffina, cera d’api, stearina, gel e alcune cere vegetali. Gli additivi a loro volta sono composti da cera microcristallina, cere dure, opacizzanti, coloranti, polietilene, resine e profumi.

Per quanto riguarda lo stoppino delle candele, invece, è realizzato con cotone intrecciato al quale si aggiungono sali di ammonio, cloruro di potassio, nitruro di potassio, borace e acido borico. Tutte queste sostanze vengono utilizzate per migliorare la combustione. In ogni caso, se volete sapere come vengono davvero realizzate delle candele di qualità, vi consigliamo di rivolgervi solamente ad aziende del settore e scoprire come avviene la lavorazione cera Nola.

Ad ognuno la sua candela

Le candele vengono realizzate di varie forme, colori e dimensioni, proprio per questo motivo ognuno può optare per la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Ad esempio, è possibile optare per dei lumini piccoli e bassi, oppure acquistare delle candele profumate o delle padelle romane alla citronella, utili, quest’ultime, per allontanare zanzare e insetti.

Vista le varie tipologie disponibili, è facile intuire che le candele vengono usate in molte e diversificate occasioni.

A partire dall’utilizzo come sorgente di luce nelle emergenze o in luoghi isolati scarsamente frequentati, passando per l’utilizzo in cerimonie liturgiche, decorazione, centrotavola, illuminare l’ambiente, fino ad arrivare ad emanare odore o allontanare insetti, avrete solamente l’imbarazzo della scelta.

Se tutto questo non bastasse, potete anche fare un salto nel passato e utilizzare come una volta per misurare il tempo. Dato che le candele bruciano ad un ritmo abbastanza regolare e costante, infatti, in passato venivano utilizzate per misurare il tempo, anche se l’accuratezza di questo metodo di misura non è mai stato accertato.

In ogni caso, il nostro consiglio, è sempre quello di optare per delle candele realizzate solamente con materiale di qualità, avendo sempre l’accortezza di posizionarle in posti sicuri, lontani dal vento e oggetti facilmente infiammabili.


Tag:








Previous Post

Quotazione Oro Ufficiale e Quotazione Oro Usato Quale Differenza

Next Post

BTSR: presentazione aziendale sensori elettronici macchine tessili





0 Comment


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


More Story

Quotazione Oro Ufficiale e Quotazione Oro Usato Quale Differenza

La quotazione oro in un periodo come quello attuale in cui il prezzo dell'oro è salito velocemente è un argomento molto...

11 October 2019


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n' 62 del 7.03.2001. L'autore del blog non e' responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne' del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio.Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari. Marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societa' citati possono essere marchi di proprieta' dei rispettivi titolari o marchi registrati da altre societa' e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.